Fondi bombati per serbatoi: la chiave per il futuro sta nei dati di processo

This post is also available in: English

Quando parliamo di fondi bombati per serbatoi in acciaio, abbracciamo un reparto produttivo molto ampio caratterizzato da aziende completamente diverse a seconda della dimensione del prodotto. Tra queste spicca la produzione dei fondi bombati cosiddetti “rullati”, ovvero realizzati tramite l’ausilio di macchine bordatrici “a rulli” e formati a freddo. Questa tecnologia permette la formatura del fondo “millimetro per millimetro”, ovvero la capacità di un’infinita gamma di misure e senza il bisogno di grandi lotti di produzione.

Ma sino a dove si potrà arrivare con la tecnologia applicata su queste macchine industriali? La risposta arriva direttamente da uno dei pochi players di questo settore di nicchia: «Dopo quarantatré anni di attività posso affermare che oggi, per fare un fondo bombato non c’è più nulla da inventare, né relativamente al processo né sulla tecnologia delle macchine» afferma l’Ing. Roberto Tommasin, Presidente della ditta Tommasin & C. S.r.l. di Veggiano (PD). «La road-map per il futuro in questo settore vede una sola strada: industria 4.0 e informatizzazione dei processi, al fine di rendersi più competitivi nel mercato e con un prodotto qualitativamente più elevato».

L’azienda Tommasin negli ultimi due anni ha investito il proprio denaro per avere il 40% delle proprie macchine in industria 4.0 e dotare l’azienda di un sistema informatico MES (Manifacturing Execution System). «Un sistema MES offgrid rispetto all’ERP aziendale» conclude l’Ing. Tommasin «è stata una scelta vincente che c’ha permesso di creare un sistema taylor made per l’elaborazione dei dati di produzione. Noi non ci fermiamo. Prossimo step? Uno scheduler APS (Advanced Planning & Scheduling), ovvero un sistema per la pianificazione e la schedulazione avanzata».

Ringraziamo Publimedia Group per la stimolante intervista visualizzabile al seguente link: http://aziende.publimediagroup.it/cliente/fondi-bombati-per-serbatoi-la-chiave-per-il-futuro-sta-nei-dati-di-processo/

Torna su